Ammortizzatori sociali

Gli ammortizzatori sociali consistono in una “integrazione salariale” (o integrazione economica) corrisposta al lavoratore in sostituzione alla retribuzione persa in tutto o in parte, con l’intento di «ammortizzarne» il disagio. Consentono alle aziende in crisi di riorganizzazione la propria organizzazione interna e di ridimensionare il costo del lavoro.

I principali ammortizzatori sociali sono:

  • la Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO):  un ammortizzatore sociale che può essere richiesto al verificarsi di situazioni aziendali dovute ad eventi transitori e non imputabili all’imprenditore o ai lavoratori, ovvero determinate da situazioni temporanee di mercato.
  • la Cassa Integrazioni Guadagni Straordinaria (CIGS): un ammortizzatore sociale che viene utilizzato per far fronte a eventi aziendali strutturali che comunque non compromettano la continuazione dell’attività aziendale.
  • la Cassa Integrazione in Deroga (cd. CIGD): uno strumento di politica passiva, aggiuntivo rispetto a quelli esistenti della cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria, introdotto a partire del 2005, per garantire un sostegno economico a lavoratori di quelle imprese che non possono beneficiare degli ordinari interventi d’integrazione salariale.
  • i Contratti di solidarietà: accordi sottoscritti tra il datore di lavoro ed i lavoratori, con l’assistenza delle organizzazioni sindacali, con i quali viene prevista una riduzione dell’orario di lavoro al fine di mantenere o incrementare il numero del personale impiegato.